PREVENZIONE

Prevenire i disturbi del comportamento alimentare significa educare ed educarsi ad una corretta alimentazione, ad una corretta attività fisica e ad un corretto equilibrio mente corpo.

Corretta alimentazione

Il cibo è necessario per fornire all’organismo le sostanze  in grado di sostenere la crescita e la funzione del corpo.
Mangiare però è qualcosa di più complesso che ingerire del cibo, ad esso sono legati i meccanismi della sfera psichica, il modo di percepire se stessi, il modo di rapportarsi con la società e l’espressione dei legami con la famiglia.
Soprattutto nel mondo occidentale, forse per il suo eccesso, la funzione primaria del cibo è stata messa in secondo piano, distorcendola: la scelta di che cosa, come, quanto e quando mangiare è diventato più un fatto di cultura e di relazioni sociali che il soddisfacimento di un bisogno naturale.
Per far diventare la capacità di alimentarsi in modo sano una scelta consapevole e duratura è necessario informare su quali sono i comportamenti corretti da seguire e quali sono le conseguenze di scelte sbagliate.
Sopra ad ogni cosa è necessario però educare gli individui all’autostima, al rispetto per se stessi e per il proprio corpo e all’accettazione degli altri.

La Piramide Alimentare è un ottimo sistema per capire che cosa prediligere nella propria alimentazione.

piramide

I livelli più bassi contengono gli elementi che non dovrebbero mai mancare nell’apporto giornaliero di una persona.
Salendo verso il vertice è necessario invece limitare l’assunzione degli alimenti indicati.
La distribuzione dei nutrienti è:

  • 60% Carboidrati (Cereali e derivati);
  • 30% Grassi;
  • 10% Proteine (Carne, Uova, Pesce).

Il modo corretto di alimentarsi quindi prevede:

  • Poca carne e tanta verdura;
  • Meno cereali e derivati e più cibi a basso indice glicemico (pasta, orzo, riso, meglio se integrali) rispetto a pane e patate;
  • Usare grassi buoni come l’olio d’oliva, il pesce, la frutta oleosa);
  • Insaporire con erbe aromatiche invece che con salse grasse;
  • Mantenere un buon ritmo fame-sazietà: meglio fare tanti piccoli spuntini che pasti molto abbondanti;
  • Variare gli alimenti nell’arco della settimana;
  • Bere almeno 1,5 l di acqua al giorno, limitando le bevande gasaste e zuccherose;
  • Pochi dolci, poco elaborati.

E’ necessario ricordare che nessun alimento da solo può soddisfare le esigenze nutrizionali giornaliere di un individuo.

Attività fisica

La salute passa anche dallo svolgimento di una corretta e regolare attività fisica.
Sebbene siamo abituati a praticare l’attività fisica che preferiamo e nella misura che più ci piace, ci sono delle indicazioni da seguire anche in questo caso.
E’ meglio rivolgersi prima al nostro medico per farci consigliare l’attività fisica più adatta al nostro stato di salute e il numero di volte in cui sarebbe meglio praticarla.

Il Volo del Colibrì ha attivato una serie di progetti per la promozione della prevenzione nel campo dei disturbi alimentari.
Scopri quali!

artemedia.it - Informativa utilizzo cookie
Home Staff News Contatti Privacy